giovedì, marzo 28, 2002

Non rido della morte.
Ma qualche volta ho sete
e chiedo un po' di vita,
a volte ho sete e ogni
giorno faccio domande e, come sempre
accade, non ottengo risposte
ma una sghignazzata profonda
e nera.

da Elegia di Javier Heraud (1942-1963)

mercoledì, marzo 27, 2002

Da un pò non mi faccio vivo... sono successe tante cose... ho vissuto qualche altra esperienza... ho viaggiato un pò... ho bevuto dell'altro vino... ho ricominciato a fumare beedies... ho visto le novità... ho letto dell'esperienza di Linda... ho ascoltato molte cose... sprinzi... altro... ulan bator... container 47... autechre... sono andato alla manifestazione di Roma... quanta gente... non si riusciva a camminare... tre milioni, sono tanti!... tante situazioni e storie diverse, si trovano in comune nel manifestare un dissenso... allora, forse non siamo noi i bugiardi...
finalmente abbiamo ridato un aspetto decoroso a questo sito, dopo un paio di settimane di delirio tra html, blogger e casini varii...
l'aspetto si muove come i posts degli scriventi su questa versione della mini...
a proposito: l'homepage al momento non e' raggiungibile per lavori esterni a cura di tripod, e mi sono gia' stufato... mi sa che tra un po' faccio la spesa del dominio e dello spazio....
attendo i giorni di pasqua per uscire dalla mia citta, anche se ora non mi trovo affatto male... ma un po' di aria altra fara' bene anche a me... molti amici sono in perenne spostamento tra un luogo ed un altro... spostamenti: qui sulla destra ci sono alcuni link consigliati, pian pianino aumentano, in qualche modo si intrecciano con quanto leggete qui... sempre da quelle parti, ma + in basso c'e' l'archivio che contiene tutti i posts precedentemente pubblicati su questo sito.
avevo promesso cose ed eccoci qua... ad ogni mio post alleghero' un paio di recensioni di dischi e magari qualcos'altro... parlero' di dischi arrivati nella mia buca delle lettere per la fanzine o per la radio...
la prima tappa mi vede parlare di 2 gruppi vicini: perturbazione e frontiera. entrambi hanno dato a noi ascoltatori 2 nuovi pezzi di plastica rotonda ed a specchio:
in circolo e' il nuovo album dei perturbazione , torinesi o quasi, prodotti da santeria: li ho seguiti poco in precedenza, da qualche giorno pero' questo disco e' spesso sul mio lettore cd; e' strano, e' un disco quasi di musica leggera per buona parte, come impatto, o meglio, un disco di canzoni per bene, qualcosa di ambizioso, ma loro sanno come fare... mi piace, ma a brani alternati, alcuni li adoro, altri faccio piu' fatica; non c'e' un susseguirsi di sonorita' semmai c'e' un'alternarsi: ci si rifa' a certo rock d'autore a molto indie, e' un disco elettrico (come status, non come sonorita' pura) anche nelle parti acustiche; a molte orecchie suonera'
davvero pop forse banale, un po' come a me al primo ascolto... non riesco ad essere piu' critico di cosi', mi fermo qua.
l'altro e' il nuovo minicd, "singolo" dei frontiera , in attesa dell'album intero, che credo verra' fuori entro quest'anno. 3 brani con significati particolari:
uno e' di classe come sonorita' e registrazione, anche se l'origine e' molto di strada, cover dei truzzi brothers (torino anni 80), ti ho visto in piazza,
le altre 2 sono tratte da un loro concerto in germania, anticipazione del nuovo album, e' quello che sono i frontiera di solito, punto d'incontro tra il rock e l'hardcore che il loro passato ha creato (kina...), il dischetto e' dedicato al loro tour manager tedesco, finito nelle nostre galere dopo tante botte e quasi dimenticato durante la triste vicenda italiana del g8 a genova. dito un su, continuano ad andare in avanti, i fantasmi li stanno lasciando indietro, gli rimane ancora l'ex kina...

martedì, marzo 26, 2002

cambio continuo di colori sulla mini weblog... il lavoro e' continuo per cercare di dare un aspetto carino e completo a questo loco.
al momento cmq c'e' poca attivita'... vedro' in settimana di cominciare a mettere per ogni post una recensione, ok?

giovedì, marzo 21, 2002

lunedì scorso....
ho appena passato tre settimane a dublino e stamattina è veramente dura essere di nuovo al corso; accenderò il pc solo quando strettamente necessario! (tra parentesi, si vive molto meglio senza televisione e pc! Bella scoperta, direte voi!)
A dublino la differenza si fa sentire: nel prossimo periodo passeranno tomahawk, red hot chili peppers, orb, stranglers tra i nomi che ho notato. Io alcuni giorni prima come si usa lì compro il biglietto in un negozio di dischi per un concerto con tre gruppi: apertura porte alle 19.30. A causa della coincidenza con l'orario di cena arrivo un po' più tardi, entro nel locale e un gruppo sta finendo il sound check e attacca subito senza tante cerimonie con due o tre pezzi strumentali, loro sono concentrati, pezzi belli, scarni, poi si presentano come redneckmanifesto...molto bene. Il locale è una "caverna", raccolto, con il giusto volume...dopo altri forse cinque pezzi sempre strumentali il gruppo se ne va, un brevissimo sound check(senza le 1000 pippe che hanno i gruppi nostrani!) e il cambio d'abiti, e si presentano in camicia nera e cravatta rossa icarus line da l.a.; il primo pezzo è ruvido, veloce, punkeggiante, ma nessuno si muove...poi ne fanno due o tre di più cupi, lenti...e qualcuno comincia a pogare! Ma subito scatta un bouncer (buttafuori) che si piazza sotto al palco proprio vicino a me e ogni tanto il suo viso impassibile mi raffredda i bollenti spiriti.
Il concerto finisce molto presto e mi accorgo di aver perso il primo gruppo...in effetti hanno cominciato davvero alle 19.30 o giù di lì e questo mi colpisce positivamenteb (da noi prima che si cominci....speroche chi tra voi suona sia puntuale!)
Mi sembra di essermi dilungata anche troppo...
cos'altro dire di dublino? in poche parole, gabbiani che planano sul fiume, scuri, caldi pub dove ti senti invogliato a confidarti con la persona che hai vicino....e lo sapete che qui DIY vuol dire solo...bricolage??

mercoledì, marzo 20, 2002

cazzo ! il blog mi fa arrabbiare...linda viene cacciata fuori ogni volta ed il codice di gestione è davvero bastardo... vado a cucinare che è meglio, a presto, ovviamente: lavori in corso !

lunedì, marzo 18, 2002

uhm... ho un po' snobbato questi luoghi... no... ho avuto un po' altro da fare, ed in più dal lavoro non riesco a postare aggiornamenti causa browser ed os (sistema operativo) non simpatico verso il mondo blogger...
non troppe novità da queste parti direi... sono in mezzo ad un periodo intenso per me, ma che a voi forse importa poco, è qualcosa di mio, che non scrivo su questa mini...
qualcuno avrà ricevuto la newsletter della mini per cui sa già che ci sarà una mini cartacea 5, ma limitat a chi la richiederà espressamente.
mi prometto, a breve di recensire qui sopra, un po' tutto il materiale (musica e letture) che avete inviato alla redazione... cercherò per qualche tempo di dare un servizio informatico...
è passato l'inverno, già mi manca... ritornerà... ora c'è altro...

sabato, marzo 09, 2002

ritorno nella mischia... senza prima aver fattiìo un mezzo casino coi settaggi della pgina web: per cui lavori in corso per ricostruire il tutto....
news: c'è una message board della mini, anche questa da implementare, per ora fateci un salto...

martedì, marzo 05, 2002

ciao mondo mini! ci sono... mi ero solo un po' perso... siamo tutti un po' sparsi... al momento... distanti ma vicini... Uomo che si muove in un panorama di fine del mondo, come illustri scrittori hanno scritto, come illustri cineasti hanno sceneggiato... c'e' qualcosa di culturale in questa realta' che sembra assolutamente lontana dall ragione...
cambiando discorso... sto perdendo un po' i contatti... so cosa ho davanti a me, ma non so + del resto...

piccole note musicali: lali puna (crucchi) hanno fatto davvero un buon disco di compagnia, ho recuperato l'album di zero7, ma devo ancora sentirlo, ma so gia', contiene dei brani tipo destiny, i have seen e distractions che erano sui singoli... per scaricarsi un po' ho anche preso una raccolta dei big black di brani registrati su 8 piste ed il cd dei nostrani raein...

l'interfaccia di gestione del blog da una workstation unix e' davvero strana!