mercoledì, maggio 07, 2003

Leggendo il bel libro di Eldridge Cleaver Anima in ghiaccio (Rizzoli, 1969) (peccato che questo, come tanti altri testi di autori neri sia degli anni '60 che precedenti, non sia più in stampa da tempo...), mi sono imbattuto in un pezzo che raccontava di come, l'assassinio di Malcom X (21 febbraio 1965) fu compiuto una settimana dopo la rivelazione di un preteso complotto per far saltare con la dinamite la Statua della libertà, il monumento a Washington e la Campana della libertà, complotto che si diceva organizzato da negri scontenti.

E io che credevo che la paranoia indotta fosse un fenomeno recente...

Nessun commento: